Home » Idee da IBM , In evidenza , Motori verdi » Come ci sposteremo nel futuro: un traffico più intelligente

Come ci sposteremo nel futuro: un traffico più intelligente

Ripensare il modo di spostarsi da un punto A a un punto B comporta l’adozione di nuove tecnologie e linee di condotta al posto di vecchie convinzioni e abitudini


Come ci sposteremo nel futuro: un traffico più intelligente

La congestione del traffico richiede nuovi approcci. La prossima volta che rimani bloccato nel traffico, pensa che per quanto le nostre automobili siano diventate intelligenti, le nostre strade stanno per diventarlo decisamente di più.

È indubbiamente necessario. In tutto il mondo, le città devono affrontare un aumento della domanda e un’incapacità di realizzare infrastrutture sufficienti a soddisfarla. Ad esempio, negli Stati Uniti, tra il 1982 e il 2001 la popolazione è aumentata di circa il 20%, mentre il traffico ha subito un incremento pari al 236%.

Spesso, non è possibile realizzare nuove strade e nuove corsie, ma è certamente possibile rendere intelligenti strade e automobili, con l’utilizzo di sensori ubicati lungo le carreggiate, tag a radio frequenza e sistemi di posizionamento globale.

A Stoccolma, un nuovo sistema di pedaggio intelligente ha consentito di ridurre il traffico e le emissioni di anidride carbonica in misura notevole.

A Londra, un sistema tariffario legato alla congestione del traffico ne ha riportato il volume ai livelli risalenti alla metà degli anni ’80.

A Singapore, un sistema di previsione del traffico sta contribuendo a controllarne e gestirne il flusso all’interno dell’intera area urbana, evitando la formazione di code ed ingorghi.

I sistemi di gestione del traffico sono parte di un sistema più ampio.

Ripensare il modo di spostarsi da un punto A a un punto B comporta l’adozione di nuove tecnologie e linee di condotta al posto di vecchie convinzioni e abitudini. Significa offrire agli automobilisti un’esperienza migliore, non solo nei luoghi e nei momenti in cui utilizzano i propri autoveicoli. E potrebbe determinare progressi nelle automobili che guidiamo, nelle strade che percorriamo e nell’utilizzo del trasporto pubblico in alternativa a quello privato. Ad esempio:

Un sistema intelligente per la gestione del traffico ha contribuito a ridurre gli ingorghi del 20%, le emissioni inquinanti del 12% e ad aumentare drasticamente l’utilizzo del trasporto pubblico nella città di Stoccolma.

Un recente sondaggio (US) condotto tra viaggiatori pendolari ha rivelato che i problemi di traffico causano perdita di sonno, ore di lavoro e sono fonte di notevole preoccupazione. In alcune città, quasi la metà delle persone interpellate ha affermato che l’attuale sistema del traffico ha aumentato il loro livello di stress.

Il traffico è stato uno dei temi trattati nel corso della conferenza Global Innovation Outlook organizzata da IBM, durante la quale ad alcuni tra gli esperti più prestigiosi è stato chiesto come rendere più efficienti le automobili, le strade, il trasporto pubblico e delle merci.


Post pubblicato da: il 17 novembre 2009 - 13 posts su Green Magazine.

Sito web: http://www.ibm.com/it/it/

Tags: , , , , ,

3 Commenti a questo articolo

  1. adelesei says:

    sarebbe bellissimo vedere realizzati progetti di questo tipo nelle nostre città! Speriamo che una volta tanto le buone idee non si fermino in Svezia, speriamo che l’intelligenza non sia solo quella dei sistemi ma anche di amministratori e cittadini

  2. Roberto says:

    E se invece di spostare le persone si provasse a spostare il lavoro? Con il telelalvoro si avrebbero enormi benefici ambientali ed anche un rilevante risparmio di risosrse economiche. Il concetto dell’individuo che va al lavoro, retaggio di una mentalità contadina, può ben essere eliminato grazie alle moderne tecnologie. lo zoccolo duro sono i vecchi (mentalmente) burosauri.

  3. alessio alberini says:

    La soluzione deve essere sistemica e deve tenere conto delle reali esigenze, piccole e quotifìdiane, delle persone: per questo è nata un’iziativa denominata conversazioni sostenibili (www.greenbean.it/conversazionisostenibili) che vuole raccogliere spunti, riflessioni e suggerimenti dal basso, dalle persone vere che quotidianamente si scontrato con il bisogno primario di muoversi e il desiderio di farlo nel rispetto dell’ambiente e delle generazioni future.

Scrivi un commento